ATO AG 3 – Sciopero dei netturbini, mezza provincia di Agrigento tra i rifiuti

Quella che comincia oggi è una settimana difficile, riguardo alla raccolta dei rifiuti, in sette Comuni dell’agrigentino. A Licata, Canicattì, Palma di Montechiaro, Naro, Camastra, Campobello di Licata e Ravanusa, domani e dopodomani gli operatori ecologici si asterranno dal lavoro per protestare contro il mancato pagamento degli stipendi di dicembre e gennaio. La protesta è stata decisa dalle segreterie provinciali, della funzione pubblica, di Cgil, Cisl e Uil. I netturbini della Dedalo Ambiente hanno sin qui ricevuto solo la metà dello stipendio di dicembre, ma due giorni fa i commissari che guidano l’autorità territoriale d’ambito hanno annunciato che è in pagamento il saldo di quel mese. Per quanto riguarda gennaio, invece, l’Ato Ag3 potrà liquidarlo al personale soltanto quando i Comuni che fanno parte della società verseranno le rispettive quote. Più di un ente, secondo quanto annunciato dai commissari, è infatti in ritardo con la rimessa mensile alla Dedalo Ambiente. Lo sciopero inizia domani, ma in effetti i disagi per i cittadini dei sette Comuni cominceranno già oggi.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.