Auto incendiata ad attivista di “Libera”, si sgonfia la pista mafiosa

Nell’ambito delle indagini sull’incendio che ha bruciato l’auto dell’attivista di Libera Chiara Natoli, la pista mafiosa, ipotizzata in un primo momento visto l’impegno della donna, potrebbe essere accantonata. Le immagini delle videocamere e i primi accertamenti degli investigatori farebbero pensare a un tentativo di dar fuoco a rifiuti abbandonati nella zona, il quartiere popolare del Borgo Vecchio: le fiamme, appiccate a un cumulo di immondizia, si sarebbero propagate fino a raggiungere la macchina della giovane. L’obiettivo dell’incendiario quindi non sarebbe stato il veicolo.
    Le videocamere infatti, al contrario di quanto si è detto, immortalerebbero non due uomini, poi in fuga, ma una persona in ciabatte, che peraltro non sarebbe nuova a gesti simili, che passa con un accendino e dà fuoco ai rifiuti.

Condividi
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.