BAGHERIA – La confessione della nipote: “Mia zia mi trattava male, ho deciso di farla uccidere”

Le modalità dell’omicidio sono ancora da chiarire. Si attende, infatti, l’autopsia, sul corpo di Angela Maria Corona per poter affermare con certezza in che modo abbiano agito i due sicari ingaggiati dalla nipote della donna, Maria Francesca Castronovo, 39 anni. Lei e i due presunti autori materiali del delitto, Guy Morel Diehi, ivoriano di 23 anni e Toumani Soukouna, maliano di 28 anni, sono stati arrestati oggi dai carabinieri.

La donna ha confessato l’omicidio e ha anche detto di averlo organizzato perchè la zia da sempre la maltrattava. “Sin da bambina mi faceva mangiare gli scarafaggi e mi faceva lavare i denti dopo aver bagnato lo spazzolino nell’acqua del water”.

Dal letto dell’ospedale Civico dove è ricoverata ha raccontato ai militari dove è stato gettato il corpo e chi ha avrebbe commesso l’omicidio. Da qualche mese aveva deciso di eliminare la zia. Così è andata nel mercato Ballarò e ha contattato un giovane che conosceva l’ivoriano Guy Morel Diehi. Il complice, il maliano Toumani Soukouna, non lo aveva mai visto. All’omicidio non avrebbe assistito. Avrebbe visto la zia, Angela Maria Corona, soltanto dopo che era stata strangolata e chiusa in sacco.

Insieme ad uno dei due presunti sicari avrebbe caricato il corpo della zia sulla sua Citroen e gettata nel dirupo. “La mia assistita – dice l’avvocato Francesca Maria D’Amico – ha collaborato con gli inquirenti aiutando i carabinieri a ritrovare il corpo. Si sarebbe pentita di avere ucciso la zia tanto da tentare il suicidio”.

Dopo l’omicidio Maria Francesca Castronovo avrebbe chiesto ad uno dei due giovani arrestati di ucciderla. Una bombola di gas e una tanica di benzina sarebbero state messe in un’auto con la donna dentro. Fortunatamente il fidanzato della donna, come ha raccontato la nipote ai militari, è riuscito a liberarla prima dell’esplosione. Tutto è avvenuto vicino al cimitero di Bagheria. Le ustioni sul corpo sono provocate dal rogo. Per la donna e i suoi presunti complici, il procuratore di Termini Imerese, Ambrogio Cartosio, ed il sostituto Daniele Di Maggio, che coordinano le indagini, hanno chiesto ed ottenuto dal gip la custodia cautelare in carcere. Gli interrogatori di garanzia si terranno lunedì.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.