Tele Studio98

la forza dell'innovazione

BALESTRATE – Omicidio 22enne: il sospettato rimane in carcere

Resta in carcere Gianvito Italiano il 30enne fermato dai carabinieri all’indomani dell’omicidio di Vincenzo Trovato, 22 anni, avvenuto sul lungomare ovest di Balestrate al termine di una rissa scoppiata intorno alle due della notte tra 11 e 12 agosto.

Resta in carcere Gianvito Italiano il 30enne fermato dai carabinieri all’indomani dell’omicidio di Vincenzo Trovato, 22 anni, avvenuto sul lungomare ovest di Balestrate al termine di una rissa scoppiata intorno alle due della notte tra 11 e 12 agosto.

Il giovane è morto dissanguato per un profondo taglio che gli ha reciso l’arteria femorale.

Castelvetranese trasferitosi in Lombardia a San Donato Milanese, il presunto colpevole si trovava in vacanza a Balestrate, cittadina di origine della sua compagna che gestisce un’attività a Melegnano (Milano).

Ad accusarlo i racconti di alcuni testimoni e le immagini, seppur non chiarissime, dei sistemi di videosorveglianza.

about:blank

Dopo meno di 24 ore dall’omicidio è arrivato il fermo disposto dai carabinieri e ora è scattato l’ordine di custodia cautelare. La lite sarebbe iniziata in uno dei lidi di Balestrate e poi finita con la coltellata per strada in via Felice D’Anna.

Intanto oggi è stata eseguita l’autopsia sul corpo di Vincenzo Trovato. L’esame è stato eseguito all’istituto di medicina legale del Policlinico.

Dopo l’autopsia la salma è stata restituita ai familiari. Domani, mercoledì 17 agosto alle ore 16, si terranno le esequie nella chiesa Madre di Trappeto, paese di residenza del ragazzo e della sua famiglia.

Così come aveva preannunciato, il sindaco di Trappeto Santo Cosentino ha proclamato il lutto cittadino. La cerimonia sarà presieduta dall’arcivescovo di Monreale, Gualtiero Isacchi.

La famiglia di Vincenzo – dicono i familiari – vuole ringraziare tutta la comunità per i tanti gesti di vicinanza e di affetto che sono stati mostrati in questi giorni di grande dolore. Tuttavia, è volontà della famiglia di non rilasciare ulteriori dichiarazioni, mantenendo il massimo riserbo, nel rispetto della memoria di Vincenzo e del dolore di tutta la famiglia. Crediamo nella giustizia e nel lavoro degli inquirenti e chiediamo la collaborazione di tutti per avere verità per il nostro Vincenzo“.

About The Author

Condividi