BOLOGNA – Il colloquio registrato tra Riina e la moglie :” Non mi pento posso fare 300 anni”

«Io non mi pento…a me non mi piegheranno» e «Io non voglio chiedere niente a nessuno … mi posso fare anche 3000 anni no 30 anni». Così Totò Riina si è rivolto alla moglie Antonietta Bagarella in un colloquio video-registrato avvenuto lo scorso 27 febbraio. Le parole del dialogo, «nel contesto di uno scambio di frasi su istanze da proporre», scrivono i giudici, sono nell’ordinanza con cui la Sorveglianza ha rigettato l’istanza del boss di Cosa Nostra.

Per i giudici è «degno di nota» il fatto che Riina asserisca che «non si piegherà e non si pentirà mai». E «altrettanto significativo» è un passaggio durante il quale i coniugi «giungono ad affermare che i collaboratori di giustizia vengono pagati per dire il falso».

Di seguito è riportata una parte della trascrizione del dialogo.

Riina: «Sono stato io… non è che siamo! Facciamo finta che eravamo insieme… non e che non lo sanno!… Lo sanno che eravamo sempre qua con questo direttore! Io non ho fatto niente e non so niente e quello… Brusca…».

Bagarella: «A tu lo sai che quelli prendono soldi quando dicono queste cose?».

Riina: «Certo»

Bagarella: «E allora… più se ne inventano e più sono pagati»

Riina: «Hanno… esatto…».

Bagarella: «Non è che è gratis quando lui dice queste cose che non esistono e perciò! Eh perciò ci vivono tutti! E’ così».

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.