BUTERA – Il treno che uccise 3 operai agrigentini, 9 rinviati a giudizio

Il 17 luglio del 2014, in provincia di Caltanissetta, in territorio di Butera, nei pressi della zona industriale, tra le stazioni ferroviarie di Butera e Falconara, lungo il tratto della linea ferrata tra Caltanissetta e Gela, il treno regionale 12852 Gela – Licata – Caltanissetta ha travolto e ucciso 3 operai agrigentini di Rete ferroviaria italiana. Le vittime sono state Vincenzo Riccobono, 54 anni, di Agrigento, Antonio La Porta, 55 anni, di Porto Empedocle, e Luigi Gazziano, 57 anni, di Aragona. Adesso il Tribunale di Gela ha rinviato a giudizio 9 imputati di omicidio colposo plurimo, tra il macchinista e alcuni responsabili delle Ferrovie dello Stato. Si tratta di Concettina Vitellaro, di 53 anni, Mario Elia, di 71, Giovanni Costa, 67, Andrea Cucinotta, 65, Carmelo La Paglia, 58, Rosario Cilluffo, 53, Pietro Muscolino, 60, Pietro Messina, 62 anni, e la Rete Ferroviaria Italiana spa nella persona del suo legale rappresentante.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *