CALTANISSETTA – Giovane nigeriano massacra di botte la compagna

Un nigeriano di 28 anni è stato arrestato dai carabinieri di Caltanissetta con l’accusa di aver massacrato di botte la compagna. Ede Osagiede, 28 anni, è accusato di aver ridotto in fin di vita la convivente, sua connazionale, tuttora ricoverata all’ospedale Sant’Elia. All’uomo, arrestato mentre si trovava su un pullman di linea diretto a Palermo, vengono contestati i reati di violenza, lesioni aggravate e maltrattamenti in famiglia.

Una settimana fa, al pronto soccorso del Sant’Elia, si era presentata la donna ricoperta di lividi, tagli e cicatrici su ogni parte del corpo. Le indagini dei carabinieri hanno consentito di accertare che la vittima era riuscita a scappare dall’abitazione nella quale conviveva con il fidanzato, dove aveva subito continui e ripetuti atti di violenza da parte dell’uomo che oltre a picchiarla con calci, pugni e schiaffi, l’aveva colpita su diverse parti del corpo con bastoni di legno, ferendola anche con due fili elettrici utilizzati come frusta. Il nigeriano è stato rinchiuso nel carcere Malaspina di Caltanissetta.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.