CALTANISSETTA – Imposero assunzione di braccianti ad azienda, condannati

La Corte d’appello di Caltanissetta ha condannato a 3 anni ciascuno, per estorsione, Giuseppe Cammarata, 40 anni, e Rosolino Li Vecchi, 56 anni, entrambi affiliati alla famiglia mafiosa di Riesi (Caltanissetta). Secondo l’accusa i due, nel 2008, avevano imposto, per conto di Cosa nostra, l’assunzione di persone gradite al clan all’impresa Feudo principi di Butera, che fa parte del gruppo industriale Zonin. Le persone assunte, secondo l’accusa, venivano fatte lavorare come braccianti. L’azienda si è costituita parte civile nel processo con gli avvocati Giuseppe Panepinto ed Enrico Ambrosetti e verrà risarcita.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.