CALTANISSETTA – Lotta alla mafia: GdF confisca beni per 45 milioni al “re” dei videopoker

Le Fiamme gialle del nucleo di Polizia Tributaria di Caltanissetta hanno confiscato 16 società, quote societarie, depositi bancari e rapporti finanziari, e poi terreni con villa bifamiliare con piscina, 8 autoveicoli, 2 fabbricati e una barca, per un valore di oltre 45 milioni euro, ad Antonio Padovani, 62 anni, di Catania, imprenditore del settore delle sale gioco e delle slot machine, coinvolto in inchieste antimafia sui clan nisseni. Il tribunale di Gela ha condannato Padovani a 4 anni di carcere per mafia. Le società e i punti gioco sono a Roma, Napoli, Catania, Messina, Modena e Massa. Padovani, conosciuto come il “re delle slot machine”, nel giugno 2013 è stato arrestato nuovamente nell’ ambito di una operazione antimafia della Dda napoletana.

 

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.