CALTANISSETTA – Nasce coordinamento medici precari

Nasce a Caltanissetta il Coordinamento regionale dei dirigenti medici precari della Sicilia. Una mobilitazione dal basso che coinvolge molti medici di tutta l’Isola – spiegano i promotori – che intende “porre fine a una lunga fase di precarizzazione cronica”, avanzando proposte concrete per la stabilizzazione dei camici bianchi. Perchè “una sanità che, per effetto dei tagli lineari e del blocco delle assunzioni, si regge sullo sforzo e l’abnegazione di migliaia di medici precari, non ha futuro. Ne va della tenuta stessa dei servizi per i cittadini, oltre che della necessaria valorizzazione dei professionsiti che operano tutti i giorni nelle corsie degli ospedali e degli ambulatori”.  L’iniziativa fa seguito a una affollata assemblea di medici svoltasi qualche settimana fa a Palermo, al NH Hotel. Un’iniziativa che aveva visto anche la partecipazione di diversi deputati all’Ars, tra cui Concetta Raia (Pd), Nino D’Asero (capogruppo Pdl) e il presidente della VI Commissione legislativa, Pippo Di Giacomo. 

Del nuovo Coordinamento fanno parte rappresentanti di tutte le aziende sanitarie dell’Isola e di tutti i settori della dirigenza. Coordinatrice stata eletta Emiliana Sanfilippo, dirigente medico presso l’Asp di Catania, mentre segretaria Valentina Brisolese dell’Asp di Caltanissetta.  La nuova realtà aderisce al Sindacato dei medici italiani (Smi) che – ricorda una nota – ha una lunga storia di battaglie in difesa dei medici precari, e che al momento della costituzione del Coordinamento era rappresentato da Epifanio Di Natale, responsabile nazionale della dirigenza ospedaliera. Di Natale ha anche sottolineato che in contemporanea con l’assemblea di Caltanisetta, si teneva a Roma un incontro tra i sindacati del settore e il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e in quella sede lo Smi ha posto sul tavolo del confronto come priorità il superamento di questo “grave problema, una cronica consuetudine che accomuna le aziende sanitarie e ospedaliere in tutto il Paese e non solo in Sicilia”.

“Non a caso – ricorda il dirigente Smi – in tutta Italia stanno nascendo coordinamenti sul modello siciliano”. Il Coordinamento nella sua prima assemblea, con un documento, “condanna i ripetuti e abusati tagli lineari alla sanità che stanno portando alla riduzione o alla scomparsa di servizi e prestazioni, restringendo l’accesso alle cure per i cittadini e favorendo il trasferimento di risorse economiche al settore privato. Così si mette a rischio l’essenza stessa del sistema sanitario nazionale che deve garantire il diritto alla salute per tutti”.

“Un Ssn costruito sul precariato e l’incertezza – avverte il documento – mina la qualità stessa delle cure, e in questo quadro i medici, i veterinari e i dirigenti del Ssn vivono in uno stato di profondo disagio a causa della svalutazione progressiva di una professione che richiede competenza continua, assunzione di responsabilità, dedizione al malato, adeguata considerazione professionale, umana, sociale, economica”.

“Il numero di dirigenti medici, veterinari e sanitari che lavora, in attività istituzionali, sotto la spada di Damocle del contratto in scadenza è diventato insostenibile – concludono – Vi sono Unità operative che vanno avanti solo grazie al personale a termine, con contratti rinnovati di mese in mese, da anni a causa del blocco dei concorsi”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.