CALTANISSETTA – Tentò di uccidere il cugino per contrasti familiari, sette anni a bracciante agricolo

La Corte d’Appello di Caltanissetta ha condannato a 7 anni il bracciante agricolo Angelo Salvatore Mirisola, 42 anni, di Riesi (Cl), per il tentativo di omicidio del cugino Antonio Volpe. L’1 marzo 2012 Mirisola sparò diversi colpi di pistola contro il cugino per contrasti di natura familiare. Il sostituto procuratore generale Lucia Brescia ha chiesto la conferma della condanna a 7 anni e 2 mesi inflitta a Mirisola in primo grado dal gup; l’imputato aveva infatti scelto il rito abbreviato e dovrà versare 10 mila euro di provvisionale ciascuno ad Antonio Volpe, alla moglie e alla figlia di quest’ultimo, costituiti parte civile con gli avvocati Giovanni Maggio e Walter Tesauro. La Corte ha concesso anche il risarcimento danni, il cui ammontare verrà stabilito dal Tribunale civile.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.