CAMASTRA – Assenteisti al Comune, assolti 21 dipendenti

Il 23 settembre del 2012 la Procura della Repubblica di Agrigento ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari a carico di 21 dipendenti del Comune di Camastra, indagati nell’ambito di una inchiesta per truffa e interruzione di pubblico servizio. Così come riscontrato dai Carabinieri della Compagnia di Licata, i dipendenti comunali periodicamente si sarebbero assentati dal loro posto di lavoro per alcune ore senza giustificato motivo. A ciascuno dei 21 indagati, poi rinviati a giudizio, è stato quantificato il danno economico provocato alle casse comunali. Adesso, al processo di primi grado, ad Agrigento, al palazzo di giustizia, la giudice monocratico, Gianfranca Claudia Infantino, ha assolto i 21 imputati, parte dei quali già in pensione. In riferimento alle due ipotesi di reato contestate, “il fatto non sussiste” è stato riconosciuto in sentenza per l’interruzione di pubblico servizio, e la “tenuità del fatto” per la truffa. I 21 assolti sono Nazareno Bellomo, 61 anni, Nicola Costanza, 59, Giuseppe Bonvissuto, 58, Giuseppina Di Caro, 62, Giuseppe Onolfo, 64, Giuseppe Provenzani, 66, Maria Brunco, 61, Giuseppe Gaglio, 61, Colomba Onolfo, 61, Calogero Prato, 55, Anna Maria Scibetta, 68, Calogera Tesè, 68, Rosalba Di Caro, 54, Graziella Todaro, 56, Rosa Colomba Amato, 52, Maria Giovanna Di Miceli, 51, Maria Messina, 54, Calogero Gramaglia, 47, Franco Polizzi, 46, e Giuseppe Brunco, 58 anni.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.