CAMMARATA – Servizi straordinari di controllo del territorio

I reparti della Compagnia Carabinieri di Cammarata hanno effettuato servizi straordinari di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione di reati in materia di stupefacenti, al controllo del rispetto delle norme del codice della strada, nonché numerosi controlli presso gli esercizi pubblici per la verifica del rispetto delle norme sulla tutela del lavoro, della salute e dell’ambiente.

Sono state controllate 287 persone, 185 veicoli, 12 esercizi pubblici e 9 circoli privati.

Sono stati segnalati alla Prefettura di Agrigento quali assuntori di sostanze stupefacenti 4 giovani nelle vicinanze dei luoghi della movida serale, con contestuale sequestro di oltre 30 grammi di sostanza stupefacente tra hashish e marijuana.

Sono stati elevati 142 verbali al codice della strada per un totale di 25mila euro, effettuati 8 fermi amministrativi di autovetture e motocicli, 8 sequestri di veicoli, 21 patenti e 14 carte di circolazione ritirate. Le norme maggiormente violate sono state:

– Omessa revisione (art. 80) 54

– Guida con patente scaduta (art. 126) 23

– Veicolo privo di copertura assicurativa (art. 193) 18

– Omesso uso delle cinture di sicurezza (art. 172) 20

– Conducente di ciclomotore senza casco (art. 171) 10

– Uso del cellulare alla guida (art. 173) 39

– Sosta sul marciapiede (art. 158) 37 – interessante perché trattasi di ciclomotori parcheggiati davanti al monumento ai caduti di San Giovanni Gemini

Particolare attenzione è stata dedicata al controllo dei circoli privati,, 4 di essi sanzionati per un valore totale di 41mila euro. Le infrazioni maggiormente riscontrate sono state:

– Accessi diretti alla pubblica via con presenza di insegne, senza alcun separatore previsto dalla normativa vigente;

– Somministrazione di bevande e alimenti a soggetti non iscritti in qualità di soci del circolo in questione;

– Mancanza della licenza prescritta per la somministrazione di bevande e alimenti;

Di fatto si è trattato di circoli privati che si comportavano esattamente come bar aperti al pubblico.

E’ stata chiusa una barberia abusiva per mancanza della licenza e della segnalazione all’autorità competente di inizio attività, con contestuale sequestro amministrativo del locale e di tutti i macchinari.

Sono stati sanzionati 2 esercizi pubblici (un bar e un autolavaggio) per presenza in loco di lavoratori “in nero”.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *