CAMPOBELLO DI LICATA – Deteneva una calibro 38: in carcere un altro cugino del boss Falsone

Sorpreso con una pistola calibro 38, con matricola abrasa, detenuta illegalmente, e con un caricatore di proiettili, di diverso calibro dell’arma da sparo. Con l’accusa di detenzione di arma clandestina è stato arrestato il quarantenne campobellese, Giuseppe Puleri, cugino dell’ex capomafia Giuseppe Falsone. L’uomo è stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Campobello di Licata.

Durante una perquisizione domiciliare è saltata fuori l’arma clandestina. Puleri, in passato, è stato coinvolto nell’inchiesta antimafia “Ghost”, e con lui era finito in carcere anche  Angelo Gioacchino Middioni, recentemente condannato a 12 anni di reclusione, e poi arrestato e rinchiuso in carcere. Era ritenuto uno dei fiancheggiatori di Falsone, allora boss latitante, ma venne assolto in ogni grado di giudizio, e risarcito per ingiusta detenzione in primo grado, salvo poi essere condannato in Appello.

 

 

Condividi
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.