CAMPOBELLO DI LICATA – Tentato omicidio, arrestato fratello boss Falsone

Per tentativo di omicidio, detenzione e porto abusivo d’arma da fuoco e ricettazione della stessa arma, i carabinieri hanno arrestato Calogero Falsone, 46enne pastore di Campobello di Licata, fratello di Giuseppe, boss di Cosa nostra agrigentina arrestato a Marsiglia nel giugno del 2010 dopo 11 anni di latitanza.

Calogero Falsone, sottoposto alla libertà vigilata, è stato sorpreso – dopo che i carabinieri avevano ricevuto la segnalazione di un violento litigio – mentre in contrada Fondacazzo-Bannino a Campobello di Licata tentava di disfarsi della pistola Smith & Wesson calibro 375 magnum, lanciandola dal finestrino della sua auto. I carabinieri hanno ricostruito che Falsone, per litigi per il pascolo del bestiame, aveva sparato contro un pastore romeno che si era salvato scappando. Diciannove bossoli e una cartuccia del calibro del revolver sequestrato sono stati recuperati sul luogo della sparatoria.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.