CANICATTI’ – 17 migranti con decreto di espulsione chiedono acqua e cibo alla polizia, sindaco pronto a protestare con loro

Diciassette migranti, identificati due giorni fa dopo uno sbarco a Lampedusa e per i quali è stata decretata l’espulsione dal nostro territorio, la scorsa notte si sono presentati al commissariato di Canicattì (Ag) chiedendo assistenza e denaro per mangiare. 

Del caso sono stati informati dal sindaco Vincenzo Corbo la prefettura e la questura. Venerdì scorso altri sette migranti erano giunti nottetempo in città e solo grazie alla generosità di cittadini e amministratori comunali era stato possibile rifocillarli e metterli su un pullman per Roma.

Il sindaco, in assenza di una soluzione per i 17 extracomunitari, si dice pronto a condurli in prefettura ad Agrigento e protestare insieme a loro.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.