CANICATTI’ – Compie rapina ma viene braccato e si costituisce alla Polizia

Braccato dalla polizia si è costituito agli agenti, confessando di
essere stato lui l’autore di una rapina avvenuta ieri sera presso
l’esercizio commerciale “Acqua e Sapone” di via Carlo Alberto a Canicattì. L’uomo, un trentenne, residente in città con precedenti penali specifici,
armato di taglierino e col volto parzialmente travisato da un cappuccio
aveva intimato alla cassiera di consegnare il denaro in quel momento
circa 500 euro. Presi i soldi subito dopo si era alla fuga prima che le
pattuglie del commissariato, coordinate dal dirigente il vice questore
Cesare Castelli giungessero sul posto. Immediatamente erano iniziate le
ricerche del giovane perché perfettamente riconosciuto dagli
investigatori. Ricerche proseguite per tutta la sera e la notte, anche
a casa del malvivente ma senza successo poiché si era nascosto, non
facendo rientro nella propria abitazione. Soltanto stamattina, vistosi
braccato il giovane, si è consegnato spontaneamente. Si è reso
disponibile a far ritrovare il taglierino che è stato rinvenuto
abbandonato per strada e sottoposto a sequestro penale. Al termine delle
operazioni di polizia giudiziaria, essendo trascorsa la flagranza del
reato di rapina aggravata, il trentenne è stato denunciato in stato di
libertà con l’accusa di rapina.

Condividi
  • 10
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    10
    Shares
  • 10
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.