CANICATTI’ – Giovane muore in ospedale: i genitori denunciano i medici[ESPOSTO/DENUNCIA]

Un esposto-denuncia è stato presentato alla polizia di Canicattì (Ag) dai familiari di Calogero Turco, deceduto a 34 anni lo scorso 23 novembre, dopo avere fatto ricorso alle cure dei medici dell’ospedale civile Barone Lombardo. Secondo i familiari dell’uomo, e l’avvocato Raffaele Barra che li assiste, “la morte di Calogero Turco sarebbe stata provocata da una diagnosi errata”.  

L’esposto, presentato dopo una valutazione della cartella clinica fatta da esperti, è stato trasmesso all’autorità giudiziaria che ha già delegato i poliziotti di Canicattì ad acquisire il materiale necessario nella direzione sanitaria dell’ospedale civile Barone Lombardo a Canicattì. La direzione sanitaria ha avviato un’indagine interna nell’attesa delle decisioni della Procura di Agrigento.

L’esposto-denuncia per il decesso del dott. Calogero Turco –   a carico dei medici dell’Ospedale “B. Lombardo” di Canicattì .

Si comunica che il 12 gennaio 2013 alle ore 10.40 negli Uffici del Commissariato della Polizia di Stato di Canicattì i genitori Turco Gaetano e Di Bella Carmela hanno consegnato e confermato l’esposto-denuncia a carico dei medici del presidio ospedaliero “B. Lombardo” di Canicattì per il decesso del proprio figlio Turco Calogero di anni 34, deceduto in data 23 novembre 2012 per le ipotesi di reato configurabile all’art. 589 C. P. I genitori, dopo aver ritirato e fatto analizzare la cartella clinica da esperti, riscontrando che i medici dell’ospedale di Canicattì hanno prodotto una diagnosi errata e, inoltre, con la loro ignoranza, incapacità e incompetenza, hanno provocato il decesso del giovane artista. I parenti e gli amici di Calogero Turco hanno costituito il COMITATO GIUSTIZIA PER LILLO con l’intento di promuovere iniziative contro la piaga della malasanità.

Canicattì, 22-02-2013


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.