CANICATTI’ – Mafia: Gioacchino Ferro torna in possesso di parte del patrimonio

La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Agrigento ha disposto lo scorso 7 luglio il provvedimento di dissequestro dei beni mobili ed immobili di Gioacchino Ferro, 45 anni, imprenditore, di Canicattì, coinvolto nell’ inchiesta ”Grande Mandamento”, in quanto considerato uno dei postini del boss Bernardo Provenzano. Il patrimonio in questione è stato dunque ritenuto dai giudici di lecita provenienza.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.