CANICATTI – Mafia: la Dda appella il dissequestro dei beni di Leone e Di Bella

La Dda di Palermo ha presentato ricorso alla Corte d’Appello contro il provvedimento di dissequestro dei beni mobili ed immobili dei canicattinesi Angelo Di Bella e Vincenzo Leone emesso nelle scorse settimane dai giudici della sezione Misure di prevenzione del Tribunale. Gli investigatori avevano messo i sigilli a proprietà intestate ai due canicattinesi e composte da società, appezzamenti di terreno, conti correnti, polizze assicurative, azioni immobiliari e bancarie. Sia Leone che Di Bella sono rimasti coinvolti nell’operarazione antimafia denominata “Agorà”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.