CASTELDACCIA – La casa era abusiva e andava demolita: aperta inchiesta

“È ancora tutto da valutare. Stiamo accertando se gli edifici interessati dalla piena del fiume Milicia siano stati costruiti nel rispetto delle leggi e con le concessioni necessarie. Da primissime valutazioni, però, fatte sorvolando la zona, alcune costruzioni sembra siano molto più vicina all’alveo dei 150 metri di rispetto imposti dalle norme”. Lo ha detto il procuratore di Termini Imerese Ambrogio Cartosio che ha aperto un’inchiesta sulla morte di 9 persone morte nell’esondazione del fiume Milicia a Casteldaccia, dopo aver sorvolato la zona colpita in elicottero.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.