CEFALA DIANA – “Furbetti del cartellino”, timbravano e poi andavano alle slot machine

Cinque “furbetti del cartellino” sono stati scoperti dai carabinieri a Cefalà Diana (Palermo). Due dipendenti comunali e tre operatori del Coinres, consorzio che si occupa della raccolta dei rifiuti, si assentavano, secondo l’accusa, dal lavoro per fare la spesa, giocare alle slot machine o per custodire i propri animali. Le videocamere hanno ripreso impiegati che uscivano ripetutamente dagli uffici comunali e qualcuno che con una moto ape si recava nei campi: tutto dopo avere timbrato il cartellino.

I militari dell’Arma hanno eseguito un’ordinanza cautelare del gip di Termini Imerese nei confronti dei cinque dipendenti che impone l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Le indagini sono state coordinate dalla procura. Nell’inchiesta ci sono altri 15 dipendenti comunali indagati.

Condividi
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.