CEFALU’ – Infermiere muore per un rigurgito Si sarebbe iniettato un potente anestetico

Un infermiere del San Raffaele Giglio di Cefalù, è stato trovato morto in casa dai sanitari del 118 e dai carabinieri. L’operatore sanitario di 39 anni, secondo quanto accertato dai militari, si sarebbe iniettato una fiala di Propofol, un potente anestetico.

Poco dopo avrebbe avuto un rigurgito e sarebbe morto soffocato. I soccorsi erano stati richiesti dai colleghi che non lo vedevano arrivare in ospedale. La salma dell’infermiere è stata restituita alla famiglia.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.