COMITINI – Incidente ss 189, si aggrava il bilancio: 1 morto e 3 feriti [VIDEO][FOTO]


Si aggrava il bilancio dell’incidente stradale della tarda mattinata di oggi lungo la strada vstatale 189 Agrigento- Palermo, nei pressi di Comitini che ha visto coinvolte tre autovetture. C’è  un morto: il conducente della Peugeot 206 e due feriti. La vittima è Vito Mangiapane , 64 anni di Cammarata ed è  deceduta all’ospedale San Giovanni di Dio dopo essere stato estratto dalle lamiere dai Vigili del Fuoco. Tra i feriti anche sua moglie seduta accanto a lui a bordo dela Peugeot 206.

La piccola utilitaria che viaggiava con direzione Agrigento, verosimilmente, stava per svoltare verso la stazione di servizio. Dall’opposto senso di marcia, sopraggiungeva – secondo le prime, frammentarie, ricostruzioni – la Mercedes bianca. Inevitabile il terribile scontro. Il conducente della terza macchina, un’altra Mercedes, che viaggiava verso Agrigento, per evitare l’incidente ha sterzato all’improvviso ed è uscito fuori strada: è finito sul terreno attiguo alla carreggiata stradale.

L’incidente si è verificato all’altezza del chilometro 47,400, lungo la statale 189 “Della Valle del Platani”, subito dopo il bivio per Comitini procedendo verso il capoluogo siciliano. I feriti, subito dopo il drammatico impatto, erano rimasti incastrati nelle lamiere contorte delle autovetture e sono stati tirati fuori dai vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento. Qualcuno, a quanto pare, subito dopo il grave incidente stradale, ha chiamato il 118. A richiedere l’intervento dei pompieri, visto che c’erano automobilisti intrappolati, sono stati proprio i soccorritori del 118.

Gli altri tre feriti, sembrano essere fuori  pericolo.  La moglie di Vito Mangiapane e i conducenti delle due Mercedes: G. Q., 55 anni, di Caltavuturo e M. A. M., 53 anni, di Agrigento – sono stati ricoverati all’ospedale “San Giovanni di Dio”.

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.