ECCELLENZA – La vittoria contro il Gela sfuma all’ultimo respiro: grande prova della Libertas Racalmuto [VD]

Dopo le quattro sconfitte consecutive si chiedeva una reazione, una prova d’orgoglio che, i ragazzi di mister Balsamo hanno offerto contro il quotato Gela di mister Totò Brucculeri. E’ stata una partita emozionante giocata ad armi pari da una Libertas che, forse, con un pò più di coraggio avrebbe anche potuto vincerla. Il Gela, in trasferta, e soprattutto sui campi di calcio a terra battuta continua ad avere qualche difficoltà, tant’è che l’unica vittoria in trasferta è arrivata a Paceco su un campo sintetico. Ma andiamo alla cronaca della partita. Balsamo dopo l’allontanamento in settimana del portiere Maltese e dell’attaccante Pirrotta si affida alla vecchia guardia: titolari sin da subito Cozma e Russo con Piazza schierato nella sua posizione naturale di esterno di difesa e Firingeli recuperato a centrocampo a tessere le fila del reparto.Il primo tiro in porta arriva già al primo minuto per il Gela sulle sorti di un calcio piazzato ma Milizia, oggi, il migliore in campo dei suoi, para senza problemi. Al 9′ è ancora il Gela a rendersi pericoloso con Mincica servito a pochi passi dalla porta, ma Milizia è bravo a deviare con il piede sul suo palo a non farsi sorprendere. Al 16′ grande occasione da rete per il Racalmuto, Carfi è bravo a sgusciare via sulla fascia sinistra serve al centro un pallone che serve soltanto spingerlo dentro, ma Cozma incredibilmente calcia alto sopra la traversa. Al 27′ è ancora la Libertas a provarci con una conclusione dalla lunga distanza di Carfì che termina fuori. Al 33′ il Gela, passa, Alma ha la meglio su Noto, entra in area, passa a Nassi che se l’aggiusta e insacca. Per l’uno a zero ospite. Al 40′ è ancora Alma a provarci con una conclusione dal limite dell’area che lambisce il palo. Al 45′ Sciacca tira a volo, para Pandolfo. Finisce qui il primo tempo. Nella ripresa, la Libertas prova a raddrizzare il match con grinta e caparbietà . Al 50′ Carfì si ritrova un pallone d’oro tra i piedi, ma da posizione agevole calcia fuori. Al 52′ Cosentino su punizione, per poco non trova il gol della domenica, ma la palla finisce di poco alta sulla traversa dalla porta difesa da Milizia. Al 60′ il gol del pareggio: Gabriele Russo dall’out di destra riceve palla, dribbla un paio di avversari scodella a centro area una palla che Carfi corregge in rete per l’1-1. C’è subito la reazione del Gela, al 62′, ma inizia lo show di Milizia con una doppia parata, prima su conclusione di Campanaro e poi, si oppone ancora sul tiro di Nassi. Al 64′ arriva il vantaggio della Libertas. Piazza sulla sinistra è incontenibile , va via all’avversario, il suo tiro sorvola tutta l’area di Pandolfo e Sciacca da due passi la corregge dentro per l’incredibile rimonta dei locali. Il Gela è incredulo ma si spinge in avanti. Al 77′ Milizia dice no ad una conclusione ravvicinata di Floridia, bravo a chiudergli lo specchio sul suo palo. Al 79′ ci prova con una gran botta Firingeli per la Libertas ma la sua conclusione è centrale. In pieno recupero, al 92′ la doccia gelata per la Libertas, sugli sviluppi di un corner Bonaffini di testa trova una parabola che non lascia scampo al bravo Milizia. Non è finita. Al 49′ Nassi anticipa il portiere in pallonetto, ma la sfera viene salvata sulla linea. Si conclude sul 2-2 con la contestazione degli ultras del Gela all’indirizzo dei propri giocatori. E solo dopo una ventina di minuti dalla concluione del match, dopo essersi chiariti con il proprio pubblico, giocatori e tecnico del Gela riescono a raggiungere gli spogliatoi per la doccia. Forse, il Gela ha sottovalutato l’impegno trovandosi di fronte una Libertas che ha giocato una gran bella partita e ha venduto cara la sua pelle. Certo, rimane il rammarico di aver buttato via tre punti nel finale, ma di fronte c’era il Gela ambizioso che ha alcune cose da rivedere. La Libertas muove la sua classifica, un punto che fa morale, soprattutto per la prova offerta contro una grande squadra, bisogna proseguire cosi e avere la giusta convinzione di potersela giocare contro tutti. Con il mercato di dicembre e con questo tipo di gioco questa squadra può ancora risorgere e dire la sua.

LIBERTAS RACALMUTO: Milizia, Noto(80’Arnone), Piazza, Firingeli(87’Argento), Armenio, Licari, Damico, Sciacca, Carfì, Russo(68′ La Mendola), Cozma. Allenatore Peppe bALSAMO

GELA: Pandolfo, Campanaro, Cosentino, Messana(68’Floridia), Gona, Satorini, Iannizzotto(42′ Ascia), Nassi, Alma, Mincica. Allenatore Totò Brucculeri

ARBITRO:Edoardo Gianquinto di Trapani con gli assistenti: Roberto Rizzo e Francesco Bentivegna entrambi di Agrigento

RETI: Nassi 33′, Carfì’ 60′ Sciacca 64′ e Bonaffini al 92′.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.