ECCELLENZA – Polemiche arbitrali in casa Libertas Racalmuto e Sancataldese [VIDEO]

Ancora un pareggio per la Libertas Racalmuto strappato con grinta e orgoglio dopo quello ottenuto in trasferta contro il Paceco. E ancora una volta la società del Ds Biagio Calvano ultima in classifica ha da recriminare per come sono andate le cose nel corso della ripresa dal punto di vista della terna arbitrale. Da precisare che il Dattilo di Formisano non ha rubato assolutamente nulla, il pari, forse, è il risultato più giusto, ma nel giro di 10 giorni, la Libertas è vittima di errori arbitrali che potranno costarle caro ai fini della permanenza in Eccellenza. Come contro il Castelbuono, ai racalmutesi viene annullato un gol oltre la linea. Quello di oggi è sembrato nettamente dentro. Ma la terna arbitrale ha lasciato proseguire. ” In categorie come queste non possiamo usufruire dei sistemi tecnologici come quelli esistenti in Serie A, quindi, ci può stare, ci auguriamo solo che possa trattarsi di un caso, ma nel giro di 2 partite ci sono capitati questi due episodi che ci lasciano dubbiosi” – dichiara il dirigente Giuseppe Bongiorno. “Non vogliamo assolutamente pensare alla malafede degli arbitri che arrivano qui designati dall’alto e non vogliamo nemmeno pensare che possa essere prescritto di sfavorire, ogni qualvolta capiti un episodio dubbio, la squadra ultima in classifica. Chi pratica il calcio non può e non deve assolutamente pensare che la pagina e il destino di questo campionato possa essere scritto da qualche parte, ma iniziamo ad avere brutti presentimenti, vorremmo solo sbagliarci in merito”, conclude Bongiorno. Per la cronaca della partita il gol del pareggio della Libertas Racalmuto è stato segnato, dal piccolo ma prolifico attaccante favarese, Peppe Valenti, per lui 3 gol in 4 partite.

E polemiche arrivano anche da Sancataldo dove la Sancataldese, che ha chiuso in 9 uomini la partita, vince con un gol da Serie A di Luigi Martorana contro il Mazara per 1-0 e allunga in vetta a tre punti sul Gela in vista del big match domenica prossima, al Vincenzo Presti che, a questo punto la formazione di Marcenò dovrà affrontare in formazione decimata. In serata la società Sancataldese ha diramato una nota. Domenica andremo a Gela rimaneggiati, come se qualche imposizione dall’alto volesse questo, ed eccoli accontentati!
La nostra non è una lamentela, ma un monito a chi sta più in alto di noi e controlla la regolarità del campionato: aprite gli occhi, inviate arbitri seri e competenti e radiate questi incompetenti, che non fanno altro che rovinare il vero calcio.
Non fatevi influenzare da chi vuole, pretende e tenta di dettare legge in modo disonesto e da dietro le quinte. Fate il vostro dovere in modo onesto e vedrete che il calcio continuerà ad essere lo sport più bello del mondo.

E da qualche domenica, anche il Cus Palermo si sente defraudato dagli arbitraggi. Dopo le contestazioni di Favara, la società universitaria di Palermo, subisce il gol del pari del Castelbuono al 96’, due minuti oltre i quattro di recupero che erano stati assegnati.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.