ECCELLENZA – Uno-due devastante di Ortolini e la Libertas si arrende ancora

Doveva essere la partita del riscatto o quanto meno dell’orgoglio ferito, la Libertas Racalmuto a sprazzi se l’ha è giocata ad armi pari, ma come in tutte le altre uscite, anche oggi, contro il Mazara, ha avuto quel black out di 10 minuti che gli hanno costato la partita e quindi la sesta sconfitta in campionato in otto gare. La Libertas nel primo tempo si gioca la sua signora partita contro il forte Mazara. Mister Balsamo schiera la coppia centrale di difesa Licari- Armenio, parte con Carfì e Pirrotta in attacco, ma a centrocampo deve ancora fare a meno di Firingeli. Il Mazara, invece, privo di Cammareri e Gancitano parte con l’esperto Erbini e Ortolini che sarà decisivo nella ripresa. La partenza è di marca giallorossa, già al primo minuto Cozma su calcio di punizione sfiora il gol, al 4′ si ripete, sempre su calcio piazzato, ma il suo tiro è telefonato e Iacono para senza problemi. Al 16′ è ancora Cozma ad andare al tiro a seguito di una ripartenza della Libertas, ma la palla finisce sul fondo per poco. Al 25′ la migliore occasione dei locali, punizione sempre calciata da Cozma che pennella sulla testa di Carfi un preciso pallone, ma Iacono vola ed evita il gol ai racalmutesi. Al 27′ finalmente si vede anche il Mazara, su un disimpegno frettoloso del portiere Milizia, gli ospiti conquistano la palla a centrocampo, lancio per Ortolini che tira alto. Al 32′ ci prova ancora il Mazara sugli sviluppi di un corner con una rovesciata del solito Ortolini che termina alta sulla traversa. Al 41′ la Libertas sfiora il vantaggio, corner di Cozma e Carfi ancora di testa spedisce a lato dalla porta difesa da Iacono.

Nella ripresa tra il 50′ e il 60′ la Libertas ha un black out e i canarini che sono squadra cinica ed esperta sfruttano i due regali difensivi. La prima rete al 51′, errore difensivo di Armenio preso in contropiede , tenta di fermare il pallone con la mano, ma gli sguscia via, palla ed avversario, con Licari che non riesce nemmeno a controllare Ortolini avviato in porta che , con un tocco felpato castiga la Libertas. Al 55′ il raddoppio ancora con Ortolini bravo di testa a mettere dentro un traversone di Filidoro. La Libertas è allo sbando e al 59′ il Mazara potrebbe anche triplicare, ma Ortolini stavolta è poco fortunato e colpisce la traversa. A questo punto viene fuori l’orgoglio dei locali che tentano disperatamente di riaprire il match. con lanci lunghi. Al 75′ Cozma si procura un calcio di rigore, viene ingenuamente falciato in area da Lombardo ed è massima punizione. Dal dischetto Russo spiazza letteralmente Iacono per l’1-2. Gli ultimi 10 minuti sono un arrembaggio dei locali, che sono sfortunati con Pirrotta che colpisce il palo esterno. Finsice 2-1 per il Mazara che si rilancia nelle zone alte della classifica mentre per la Libertas una sconfitta, la sesta, che lascia la formazione di Balsamo al penultimo posto con soli 4 punti. Non ci sentiamo di dire se il Mazara ha vinto con merito la partita, siamo certi, però, che la Libertas ha commesso i soliti errori che in Eccellenza non vanno compiuti e con squadre come Mazara, Paceco e Mussomeli non puoi permetterti cali di concentrazione perchè vieni castigato. Quindi, Libertas da rivedere e per oggi ancora bocciata, nonostante, tutto sommato, la buona prova, ma non basta, in Eccellenza o fai punti, oppure sei destinato ad una veloce passerella.

LIBERTAS RACALMUTO : Milizia, Noto, Salemi(46′ La Mendola), D’Amico, Armenio, Licari, Cozma, Sciacca, Carfi(63′ Russo), Piazza, Pirrotta. Allenatore Peppe Balsamo

MAZARA: Iacono, Lo Cascio, Lombardo, Fontana, Gallina, Palazzo, Esposito(48’Filidoro), Falsone(89′ Di Simone), Erbini(70′ Rosella), Bono, Ortolini. Allenatore: Nicola Terranova

ARBITRO: Marco Guagliardo di Messina. Assistenti: Denise Salute e Salvatore Mazzarisi di Caltanissetta.

RETI: Ortolini 51′ e 54′ , Russo al 75′.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.