FAVARA – Inchiesta “Kainè Trapeza”, il pm chiede 7 condanne

Al palazzo di giustizia di Agrigento, a conclusione della requisitoria, il pubblico ministero, Alessandro Macaluso, ha chiesto 7 condanne, un’assoluzione, 14 rinvii a giudizio e 12 non luogo a procedere in occasione dell’ udienza preliminare nell’ ambito dell’ inchiesta, sostenuta dalla Procura insieme alla Guardia di Finanza, cosiddetta Kaine’ Trapeza, dal greco Nuovo Tavolino, che il 7 febbraio 2013 ha provocato 3 arresti, un obbligo di dimora, e 34 indagati complessivi, per irregolarita’ in appalti e turbative a Favara, tra accordi di cartello per l’aggiudicazione di appalti pubblici. Sono stati chiesti 1 anno e 2 mesi di reclusione ciascuno per Calogero Iacolino 26 anni di Agrigento, e Antonio Iacolino 58 anni di Caltanissetta, poi 1 anno di reclusione per Michelangelo Palumbo 47 anni di Favara, 2 mesi per Giovanni Vitello 47 anni di Favara, 9 mesi ciascuno per Gaetano Lo Porto 49 anni di Favara e Assunta Caruana 50 anni di Favara, e 6 mesi per Antonella Nobile 37 anni di Favara. Richiesta di assoluzione per Catia Sardelli 53 anni di Favara. Il Giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, ha rinviato l’udienza al 3 luglio prossimo.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.