FAVARA – Gessica Lattuca scomparsa ,l’ex Filippo Russotto: “Era con un ‘picciotto’”

Sono passati ormai 15 mesi dalla scomparsa di Gessica Lattuca, la mamma di Favara di cui non si hanno notizie dal 12 agosto 2018. Ma è anche l’unico indagato di questa vicenda dai tratti inquietanti, l’ex compagno Filippo Russotto, a lanciare una “bomba” durante un’intervista ai microfoni di “Quarto Grado”. L’uomo, padre dei 3 figli di Gessica, davanti alle telecamere della trasmissione di Rete 4, ha tuonato:”Ho una sorpresa per tutto il mondo. Dicono che Gessica non l’ha vista nessuno a Favara, invece non è vero: Gessica a mezzanotte si trovava in piazza Cavour e loro (gli inquirenti, ndr) lo sanno“. Russotto dichiara di essere venuto a conoscenza di questo particolare importante da una ventina di giorni a questa parte e proprio per questo di aver voluto parlare a “Quarto Grado”: “Voglio sapere chi è questo ‘picciotto’, Gessica era con questa persona a mezzanotte a Piazza Cavour“.

Ma chi è il “picciotto” a cui si riferisce l’ex compagno di Gessica Lattuca? Filippo Russotto continua a professarsi totalmente estraneo rispetto alla vicenda della scomparsa della donna:”Non ho fatto niente. Io voglio sapere chi era questo ‘picciotto’ che si è portata la madre dei miei figli e ci sono i testimoni. Loro lo sanno che Gessica si trovava con questo picciotto a mezzanotte“. Quello ventilato da Russotto, dunque, sarebbe lo scenario di un allontanamento volontario da parte di Gessica. L’uomo mette nel mirino anche gli inquirenti, incapaci a suo dire di indirizzare le indagini in maniera corretta:”Sono arrabbiato perché non vedo fare nulla. Voi state indagando a me e non mi interessa perché io sto indagando a tutti; ed invece no, perché avete fatto tutto di testa vostra e io sono ancora indagato, per quale ragione? Perché mi avete lasciato così nello schifo e nel fango? Andate a cercare, tutto il mondo deve sapere che io ho detto la verità“.

Condividi
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.