FAVARA – Il ringraziamento di Giuseppe Quaranta alla Sindaca e alla sua comunità

Buongiorno Sindaco Anna Alba, volevo esprimere da parte di tutta la mia famiglia e anche a nome della città’, un grazie di cuore per quanto ha fatto per Lorena, per noi tutti e per l’intera città’. Un grazie per essersi mossa non solo dal punto di vista amministrativo, ma anche umano, da primo cittadino nel vero senso della parola. Grazie per essersi presa cura come una vera Mamma, della casa che fino a questa mattina ospita Lorena. Grazie per averci concesso la liturgia della parola, accompagnata da un canto angelico che ci ha messo in contatto diretto con Dio. Le sue parole e la sua commozione, sono state di conforto. Lei ha permesso a tutta la città’ di Favara, ma non solo, a tutti coloro che si sono stretti in questo momento di dolore, da Bolzano, Brescia Bologna e tutte le città’ d’Italia, che hanno partecipato stendendo dai balconi un camice o un lenzuolo bianco, non solo di piangere Lorena, vittima di femminicidio, ma di piangere con Lorena ciò’ che lei più rappresenta, la donna nella sua essenza. A Favara ieri e’stata scritta una nuova pagina di storia, una storia triste, drammatica, ma che ha dato origine grazie anche al disegno realizzato da Sergio Criminisi, un icona, un nuovo Simbolo che racchiude tutti i sentimenti vissuti, elaborati, manifestati in questo momento. Un simbolo che esprime rabbia, dolore, sofferenza, appartenenza, comunità’, famiglia e Amore. Questo simbolo rimarrà impresso nei nostri cuori, nel cuore di ogni mamma, padre fratello e sorella e diventerà monito per tutti affinché non possa più ripetersi quanto di più orrendo e atroce e’ accaduto in questi giorni. Sarà il simbolo della nostra battaglia processuale, che accoglierà tutte le associazioni per i diritti dell’uomo, della donna, della vita ad essere un’unica cosa in modo da far sentire ora è sempre la nostra voce all’unisono. Grazie Sindaco Anna Alba.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.