FAVARA – Omicidio ex Presidente del Consiglio:si indaga a tutto campo

Una decina di carabinieri del nucleo operativo della Compagnia di Agrigento, e della Tenenza di Favara, da questa mattina sono impegnati in una serie di accertamenti e controlli, lungo la via IV Novembre e dintorni, alla ricerca di elementi utili alle indagini, per cercare di risalire all’identità dell’autore dell’omicidio dell’ex presidente del Consiglio comunale di Favara, Salvatore Lupo, avvenuto nel pomeriggio di Ferragosto.

Sono state acquisite le immagini di alcune telecamere di video sorveglianza, collocate nella zona, e si sta provando di capire da quale strada è arrivato il killer, e la via di fuga utilizzata, dopo le pistolettate mortali. Gli occhi elettronici collocati all’inizio della strada potrebbero avere ripreso qualcosa.

Il killer solitario, che ha centrato con 3 colpi di pistola in testa, e in faccia, la vittima avrebbe agito con una freddezza disarmante. Via IV Novembre, nonostante fosse il pomeriggio di Ferragosto, non era deserta. Ma nessuno avrebbe visto, né sentito nulla. Ad essere ascoltato, prima dentro i locali del bar dove è avvenuto l’omicidio, poi in caserma, è stato il barista. Ma dalle sue dichiarazioni non sono emerse indicazioni utili alle investigazioni.

Nessuna presenza di polvere da sparo è emersa dagli esiti dei primi stub eseguiti dalla Scientifica. “Stiamo lavorando” continuano a ripetere il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, e il suo aggiunto, Salvatore Vella, titolari dell’inchiesta. Le indagini procedono, ma sono rese difficili dall’assenza di testimonianze determinanti.

Sono proseguiti per tutta la notte in caserma gli interrogatori di parenti e conoscenti del favarese.Si sta provando a ricostruire le ultime ore e gli spostamenti dell’uomo precedenti il delitto.

Per ora la pista più accreditata da magistrati e Carabinieri che indagano sull’assassinio, è quella di forti contrasti personali per questioni economici, tuttavia senza tralasciare altre piste, prima fra tutte quella di una possibile vendetta.

Un omicidio sul quale restano ancora molti nodi da sciogliere e sul quale stanno continuando le investigazioni gli uomini dell’Arma che si occupano del caso.

L’INTERVENTO DELL’EX SINDACO ANNA ALBA

“Chiunque avesse visto qualcosa, anche quello che può sembrare un piccolo indizio o un dettaglio insignificante si rivolga, con fiducia estrema, ai carabinieri. E lo faccia, se vuole, anche in forma anonima. Dia la possibilità agli investigatori di procedere celermente nelle indagini e dia la possibilità a questa comunità, che sta facendo tanti sforzi, di non essere etichettata come omertosa”. Lo ha detto il sindaco dimissionario di Favara Anna Alba. “Non ci sarà nulla che potrà lenire la perdita di un genitore – ha aggiunto l’ex amministratore -, ma aiutiamo, aiutate a fare giustizia. Io, così come tanti miei concittadini, ho fiducia negli investigatori e negli inquirenti”.

FOTO SICILIAONPRESS

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.