FAVARA – Rapina a casa di un disabile, pena confermata

La Corte d’Appello di Palermo ha confermato la condanna inflitta in primo grado, in abbreviato, a 2 anni e 2 mesi di reclusione a carico di Michele Crapanzano, 45 anni, di Favara, arrestato il 15 giugno 2013 dai Carabinieri perche’ accusato di tentata rapina e violazione di domicilio. L’ uomo, spacciandosi come tecnico dell’ Enel, ha tentato una rapina nell’abitazione di due disabili, una madre di 96 anni e il figlio di 61 anni.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.