FAVARA – Restituiti beni per 3 mln di euro a Giuseppe Scariano ritenuto contiguo alla mafia

La Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Agrigento ha rigettato la proposta di confisca e ha disposto il dissequestro e la restituzione di 14 fabbricati, 25 terreni, quote di altri 26 terreni, 3 società di capitale e relativi compendi aziendali, ed un rapporto finanziario a Giuseppe Scariano, 67 anni, di Favara, ritenuto contiguo alle famiglie mafiose dell’Agrigentino. Si tratta di beni per un valore stimato intorno ai 3 milioni di euro. Tra gli indizi a sostegno della tesi sulla presunta mafiosità di Scariano vi è anche un “pizzino” scoperto nell’ultimo covo del boss Gerlandino Messina a Favara. I giudici nel provvedimento di dissequestro scrivono: “Al di là dei meri sospetti e delle congetture, ciò che rileva in sede giudicante sono i soli concreti elementi indiziari i quali tutti, però, consentono – allo stato – di ritenere compiutamente accertata una effettiva pericolosità sociale di Scariano solo fra il 1997 e il 2003”.

Condividi
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.