Fermati i presunti scafisti del barcone rovesciato al largo della Libia

Sono stati assicurati alla giustizia pochissime ore dopo l’arrivo a Porto Empedocle. Un cittadino egiziano ed un marocchino sono stati arrestati stanotte dagli agenti della squadra mobile di Agrigento, coordinti della procura agrigentina e dal pm Salvatore Vella. I due sono accusati di essere gli scafisti del barcone che due giorni fa si è rovesciato al largo della Libia. I superstiti sono arrivati ieri pomeriggio al porto di Porto Empedocle, a bordo della nave “Bettica” della Marina militare italiana, che li aveva soccorsi in alto mare. Con loro hanno viaggiato anche i cadaveri dei cinque migranti morti per annegamento, che verranno sepolti in vari cimiteri dell’Agrigentino.

Secondo quanto ricostruito dagli agenti della squadra mobile di Agrigento, diretti da Giovanni Minardi e Vincenzo Di Piazza,  a bordo di quel barcone ci sarebbero state 700 persone. Almeno così hanno raccontato i superstiti. Ai poliziotti e al pm Vella i migranti hanno detto di essere saliti a bordo del barcone nel porto di Sabrata, a Sud Ovest di Tripoli, la notte del 24 maggio, sotto la minaccia di gente armata con mitragliatori Kalashnikov. Poi il viaggio e i soccorsi. Ma in tanti, almeno 200 persone, erano nella stiva. E di loro non c’è traccia. Gli inquirenti temono, quindi, che ci siano diverse centinaia di persone morte per annegamento i cui corpi sarebbero ancora intrappolato nel barcone inabissato.

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.