Festa della Donna non solo mimose per l’8 Marzo

Anche per quest’anno il Ministero dei Beni Culturali ha stabilito che tutte le donne potranno accedere gratuitamente ai luoghi d’arte statali, musei, monumenti, archivi, biblioteche, siti archeologici.
A tale iniziativa, si possono aggiungere molte altre occasioni di incontro, di festa, di dialogo sulle donne organizzate in tutta Italia. Infatti non bisogna dimenticare che la Festa della Donna è nata come giornata di lotta, un momento speciale per non dimenticare le vessazioni che le donne sono state costrette a subire nel corso della storia. Questa l’essenza della Festa della Donna. Col tempo però essa è venuta via via scemando fino a trasformare l’8 marzo quasi solo in un’occasione, per le donne, di riunirsi e di divertirsi tutte insieme in locali, ristoranti, discoteche o quant’altro. In pratica quella che doveva essere una giornata dedicata alla celebrazione delle battaglie delle donne condotte per arrivare a possedere gli stessi diritti degli uomini, è scaduta fino a diventare uno dei tanti eventi commerciali. L’8 marzo, invece, potrebbe essere un’occasione importante per ricordare che in molti luoghi del mondo le donne non solo non hanno una festa da celebrare, ma non godono di nessun diritto.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.