FEUDO D’ALI’ – Joppolo Giancaxio rientra nell’organismo

Il “Feudo D’Alì” torna al suo assetto originario: il Comune di Ioppolo Giancaxio, con apposita delibera approvata dal Consiglio, ha deciso infatti di rientrare all’interno dell’organismo sovracomunale di cui fanno parte le Amministrazioni di Raffadali, Santa Elisabetta e Sant’Angelo Muxaro. A darne notizia è il presidente del Consiglio Direttivo, Mimmo Gueli, chiamato da poco più di un mese, nel rispetto della rotazione prevista dallo Statuto, a guidare il Feudo D’Alì.

“Siamo contenti che gli attuali amministratori comunali di Ioppolo abbiano maturato responsabilmente questa scelta – spiega Mimmo Gueli, che è sindaco di Santa Elisabetta – questo passaggio non fa altro che rafforzare l’Unione e rilanciarla nella gestione dei servizi a beneficio delle quattro comunità. Alla luce di questa importante novità, abbinata al fatto che anche il Comune di S. Angelo è tornato sui suoi passi dopo averne annunciato l’uscita, il Feudo D’Alì, che ho l’onore di presiedere in questi 12 mesi, si proietta ora in una dimensione nuova e in una più ampia prospettiva di interventi e di azioni che si tradurranno certamente in contenimento di costi per le singole amministrazioni e in un vasto ventaglio di servizi e di iniziative destinati ai cittadini dei quattro paesi. Lavoreremo con fermezza e serietà – conclude il neo presidente del Consiglio Direttivo dell’Unione dei Comuni “Feudo D’Alì – per riempire sempre più di contenuti l’organismo nel segno dell’efficienza e della razionalizzazione delle risorse, sia professionali che finanziarie. Tutto  finalizzato ovviamente a dare risposte concrete alla nostra gente, a questa fetta di territorio che ha certamente bisogno di attenzione da parte delle Istituzioni”.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.