GELA – Danni ambientali: per dirigenti Eni chiesto il processo

Il procuratore di Gela, Lucia Lotti, ha chiesto il rinvio a giudizio dei vertici della locale raffineria dell’Eni per deposito incontrollato di rifiuti, getto di sostanze  pericolose come fibre di amianto in atmosfera, omissione dolosa  di cautele sui rischi per la prevenzione di infortuni sul lavoro. Gli indagati sono Bernardo Casa, amministratore delegato della Raffineria di Gela spa, e i dirigenti Rosario Orlando, Aurelio Faraci, Biagio Genna e Arturo Anania.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.