GELA – L’Eni trasferisce cinque operai è allarme

Prima ha sondato la disponibilità di alcuni dipendenti per un eventuale trasferimento in un altro sito in Italia o all’estero. Poi, davanti alle rimostranze dei sindacati, l’Eni di Gela ha proceduto a cinque trasferimenti d’ufficio in una consociata che produce additivi chimici nel torinese. A tre dei cinque operai, che hanno rifiutato il trasferimento, è stato vietato l’ingresso in raffineria. Immediata è scattata la protesta con il blocco dei cancelli. Si paventa che l’Eni voglia alla chetichella avviare il processo di dismissione, senza cosi bonificare né risarcire il territorio.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.