GELA – Dipendente corrotto cedeva acqua pubblica: due arresti

Corrompendo un dipendente pubblico, riuscivano a vendere acqua, violando le norme. Sono scattati due arresti, nella notte.  Il blitz l’hanno messo a segno i finanzieri di Gela. Manette ai polsi di Gaetano Cassarà, imprenditore e Rosario Moscato, impiegato del Comune nel settore Lavori pubblici.  Le due persone sono ritenute responsabili di «aver creato un collaudato schema criminale, con base operativa a Gela, finalizzato all’illecita cessione di acqua pubblica attraverso la corruzione di un pubblico dipendente». Il pubblico dipendente, dietro pagamento di mazzette, avrebbe consentito a un imprenditore di allacciarsi illecitamente alla condotta pubblica dell’acqua. L’imprenditore riempiva l’autobotte e rivendeva l’acqua a cittadini ignari che il rifornimento fosse illegale. 

Al momento, i due arrestati sono stati sottoposti ai domiciliari. Provvedimenti di custodia cautelare che arrivano in una fase molto delicata, con la crisi idrica che sta nuovamente mettendo a dura prova la città. Secondo gli inquirenti, vendevano acqua pubblica.

 

 

Condividi
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.