GELA – Il presidente dell’antiracket indagato per truffa aggravata

Il presidente dell’Associazione Antiracket di Gela, Renzo Caponetti, volto storico delle battaglie contro il pizzo e componente della Federazione Antiracket Italiana, è indagato, insieme alla moglie, per truffa aggravata per il conseguimento di erogazione pubbliche e malversazione. Nell’ambito dell’inchiesta il gip ha disposto nei confronti della coppia il sequestro preventivo di 396.628 euro. I due erano, rispettivamente amministratore di fatto e titolare di una ditta individuale di commercio all’ingrosso di generi alimentari a Gela.
Secondo la Procura, guidata da Fernando Asaro, avrebbero presentato istanza di accesso al Fondo di solidarietà per ottenere i fondi concessi alle vittime di estorsione, sostenendo di aver subito un danno consistente nella riduzione del fatturato e nel mancato guadagno per la loro appartenenza all’associazionismo antiracket.
In questo modo avrebbero truffato l’Ufficio del Commissario per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura che, accogliendo le loro richieste, gli ha liquidato una somma di 396.628 euro. Le indagini preliminari sono tutt’ora in corso e sono condotte, su delega della Procura, dalla Guardia di Finanza di Gela.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.