GELA, OPERAZIONE AGORA’ – “Buoni benzina in cambio di voti”[VIDEO]

Voti in cambio di buoni benzina, estorsioni e intimidazioni ad imprenditori, traffico di droga grazie a canali palermitani. C’è tutto questo nell’operazione dei carabinieri di Gela e della procura antimafia che ha portato all’emissione  di 18 ordinanze di custodia cautelare un carcere a carico di esponenti della Stidda. La Stidda, hanno confermato il procuratore Sergio Lari ed il sostituto Domenico Gozzo, “aveva individuato un esponente politico da far eleggere alle scorse amministrative invitando i cittadini a votare per lui”. In cambio uno degli stiddari si era detto pronto ad elargire buoni benzina. Il nome non è stato rivelato, perché, come ha ammesso la stessa Dda , l’indagine per voto di scambio è ancora in corso.

 

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.