GELA – Prese parte ad un omicidio di Mafia nel ’92: condannata la “mantide religiosa”

Si aprono le porte del carcere per una gelese di 56 anni, Maria Rosa Di Dio, soprannominata la “mantide religiosa”, accusata di aver preso parte ad un omicidio avvenuto a Gela, nel ’92, in piena guerra di mafia. La donna, condannata in via definitiva dalla Cassazione a 22 anni di carcere attirò in una trappola mortale il presunto “stiddaro” Agostino Reina, all’epoca 31enne, con la falsa promessa di una notte d’amore in un casolare di “Passo di Piazza”.

La sentenza di morte sarebbe stata emessa dalla famiglia Emmanuello. La vittima, una volta giunta nel casolare, trovò i suoi carnefici che lo soffocarono e ne bruciarono il corpo, sotterrandolo parzialmente nelle campagne di contrada “Biviere”.

Il cadavere fu scoperto dai carabinieri ma risultò impossibile la sua identificazione. Solo 18 anni più tardi, nel 2010, la polizia fece luce su quell’omicidio. La donna venne arrestata insieme agli  esecutori materiali del delitto, il boss Davide Emmanuello, di 48 anni e Rocco Manfrè, di 69 anni.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.