GELA – Società in odor di mafia sequestrata dalla Dia

Maxi sequestro a Gela. Beni per 700 mila euro sono stati sequestrati dalla Dia di Caltanissetta, all’imprenditore Alberto Cammarata, 44 anni, di Gela, secondo gli inquirenti vicino al capo indiscusso di Cosa nostra del nisseno, Piddu Madonia.

Il sequestro ha riguardato una società con sede a Milano e operante nel settore degli appalti pubblici. Nel novembre scorso a Cammarata erano stati sequestrati immobili e conti correnti per un valore stimato in tre milioni e mezzo di euro. Secondo l’accusa, l’imprenditore era a disposizione di Cosa e così avrebbe ottenuto in cambio il monopolio sulla fornitura di inerti. Un anno fa, la Dia aveva sequestrato al fratello di Cammarata, il 54 enne Francesco Antonio, un patrimonio da 3 milioni di euro poiche’ anche lui considerato vicino a Cosa nostra.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.