GIARRE – Uccide l’ex fidanzato della figlia [VIDEO]

Un 64enne incensurato ha ferito mortalmente, con colpi di pistola, l’ex fidanzato della figlia che non voleva riallacciare la relazione con l’uomo. La sparatoria è avvenuta nella strada provinciale che unisce San Giovanni Montebello, frazione di Giarre, al comune di Sant’Alfio, nel Catanese. La vittima, un 48enne, è deceduta nell’ospedale Cannizzaro di Catania. L’omicida è stato arrestato dai carabinieri nella sua abitazione, mentre era ancora in possesso dell’arma, che deteneva legalmente. La Procura di Catania ha aperto un’inchiesta. 

Allertati da una telefonata al 112 militari dell’Arma hanno trovato il ferito ancora cosciente e raccolto la sua testimonianza, con la descrizione del fatto e dando le generalità di chi gli aveva sparato. Ricostruzione confermata da altre persone presenti e dai primi rilievi investigativi. La vittima è stata trasferita nell’ospedale Cannizzaro di Catania, ma è morto per le ferite riportate.

I carabinieri si sono recati in casa del 64enne, che non è distante dal luogo della sparatoria, e lo hanno trovato ancora armato e in stato di agitazione. Vistosi circondato, l’uomo non ha opposto resistenza e ha consegnato l’arma, una pistola Beretta calibro 6,32, regolarmente detenuta, utilizzata poco prima per ferire mortalmente il 48enne.

Dalle indagini è emerso anche il movente che è riconducibile a una relazione extraconiugale intrattenuta tra la vittima e la figlia dell’arrestato. Ma nonostante da circa un anno la relazione era stata interrotta dalla donna, il 48enne non si era arreso e questa mattina si era recato a casa dell’ex per tentare di convincerla a ricominciare. Ma avrebbe avuto un diverbio con il padre della donna che, rientrato in casa, si è armato e gli sparato, ferendolo mortalmente.

Durante una successiva perquisizione domiciliare, militari dell’Arma hanno trovato e sequestrato 4 fucili da caccia e un’altra pistola Beretta, anch’essi regolarmente detenuti. L’arrestato è stato sottoposto all’esame dello Stub su indumenti e mani ed è trattenuto in caserma in attesa di essere trasferito in carcere.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.