GOVERNATORE LOMBARDO:”Dimissioni se c’è rinvio a giudizio”

Il Presidente della Regione Raffaele Lombardo non si nasconde dopo l’imputazione coatta del Gip per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa e a Palermo affronta le domande incalzanti della stampa, che chiede notizie in merito alla possibile decisione di dimissioni prima della naturale scadenza del suo mandato elettorale.

Lombardo non tergiversa: “Non sottoporrò la Regione al fango di un processo, se ci dovesse essere un rinvio a giudizio mi dimetto – ha detto – Io dico che oggi è stata disposta un’imputazione che sarà valutata dal giudice per l’udienza preliminare. Non è un rinvio a giudizio e chi gioca su questo equivoco è quantomeno in malafede”.

“Se c’è rinvio a giudizio mi dimetto – ha ribadito Lombardo – senza aspettare nè il primo grado nè l’appello nè la Cassazione. Chiedo solo che l’udienza venga fissata il prima possibile e che in quella udienza venga disposta o l’archiviazione o il processo”.

In precedenza aveva sottolineato come quest’inchiesta, sin dall’inizia sia stata contornata da strane coincidenze: “Il 29 marzo di due anni fa uscì la notizia dell’inchiesta su la Repubblica, e oggi, 29 marzo, arriva l’ordinanza del gip. Sembra una coincidenza astrale…”. Rivelando: “Non mi aspettavo questa ordinanza del gip ma sono sereno e rispettoso del lavoro dei magistrati”. Lombardo ha ricordato che “la magistratura di Catania, sotto la guida di due capo procuratori, aveva chiesto l’archiviazione. Oggi il gip, e ne prendo atto ha emesso una ordinanza perchè ha ritenuto necessaria una verifica in udienza preliminare degli atti citati dalla Procura nella richiesta di archiviazione”.

E ancora: “Leggerò stasera l’ordinanza, che mi è arrivata poco prima che iniziasse l’incontro sulla Gesip alla Regione. Sono 64 pagine: un gran bel lavoro, se è vero che sono state scritte dopo l’ultima udienza tenuta ieri a mezzogiorno”.

“Poi deciderò con i miei avvocati se chiedere il rito abbreviato in sede di udienza preliminare davanti al Gup”. Aggiungendo. “Il mio rispetto per la magistratura è lo stesso di ieri anzi è cresciuto, così come la mia serenità”. E ha concluso: “Comunque, con franchezza non m’aspettavo questa decisione del gip, così come non se l’aspettava nessuno. Forse qualcuno”. Chi? “Qualcuno”, ha affermato.

Nessuna ipotesi sui possibili scenari politici siciliani in futuro: “Ripercussioni politiche? I partiti fanno le loro valutazioni su un eventuale rinvio a giudizio,e io non sono stato rinviato a giudizio. Dall’ordinanza del gip scaturisce la fissazione dell’udienza preliminare, in quella sede poi si potranno determinare diverse ipotesi: il rinvio a giudizio appunto o il non luogo a procedere”. E infine: “Io non ho mai chiesto favori ai mafiosi e su questa vicenda scriverò un memoriale”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.