GROTTE – Fermato nelle campagne un nigeriano indagato per mafia “Pesha”

E’ stato fermato a Grotte, dalla Squadra Mobile di Agrigento, il nigeriano indagato nell’inchiesta della Dda dell’Aquila che ha sgominato una vera associazione di tipo mafioso denominata ‘Supreme Eiye Confraternity (Sec)’ o  ‘Eiye’. Si tratta di un sodalizio radicato in Nigeria ma diffuso in molti Stati europei ed extraeuropei, equiparato per struttura e forza intimidatoria alle mafie tradizionali. 

Il fermo, disposto dalla direzione distrettuale Antimafia di L’Aquila, è stato eseguito dalla Squadra Mobile di Teramo e dai colleghi di Ascoli Piceno, di Agrigento, Catania e con il reparto Prevenzione crimine  “Abruzzo” di Pescara. Le persone fermate sono organiche – secondo l’accusa – alla cellula locale (Nest) denominata ‘Pesha’. 

Nell’Agrigentino, i poliziotti della Mobile – coordinati dal vice questore aggiunto Giovanni Minardi – sono riusciti, anche se non è stato per niente semplice, a rintracciare e a bloccare, nelle campagne di Grotte dove s’era rifugiato, il trentenne nigeriano.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.