Il calciatore arrestato per violenze sulla moglie a Palermo: «Ricattato e minacciato»

Punta il dito sul patrigno di lei. Lo accusa di avergli chiesto denaro, tanto denaro. E alla famiglia della sua ex compagna lui, F.L., il calciatore in carcere da due settimane per avere — secondo la Procura — violentato e sfruttato la prostituzione della sua giovane donna, avrebbe dovuto dare molti soldi. Prostituendosi con uomini per onorare il proprio debito. Nel suo interrogatorio davanti al Gip Lorenzo Matassa, l’indagato prova a ribaltare la prospettiva di un’inchiesta che finora lo vede come unico responsabile. Ma la famiglia di lei è effettivamente tutt’altro che raccomandabile, perché la ragazza è nipote di una donna-boss e di un superkiller, appartenenti entrambi a due importanti clan mafiosi imparentati proprio attraverso questo matrimonio. E per questo F.L. insinua dubbi e sospetti, su cui il pm Ennio Petrigni sta adesso svolgendo accertamenti. E indagini difensive vengono fatte anche dall’avvocato Giuseppe Martorana.

“Da premettere — dice l’indagato davanti al giudice Matassa — che noi ci amiamo ancora e la madre ha paura che noi potessimo avere un confronto… Quello che la mia ragazza mi diceva è che il denaro andava alla sua famiglia. Io non avevo bisogno di denaro, ma mi hanno prosciugato”.

FONTE. RICCARDO ARENA – GIORNALE DI SICILIA

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.