IMMIGRAZIONE – Notte di soccorsi nel Canale di Sicilia, 1 morto [VIDEO]

Le navi della Marina Militare San Giorgio, Espero e Sirio, con le motovedette della Capitaneria di Porto, una motovedetta della Guardia di Finanza ed il supporto di una nave mercantile, ieri sera e per tutta la notte hanno prestato soccorso ai migranti in arrivo dalle coste africane. La nave anfibia San Giorgio è intervenuta in assistenza a 4 natanti sovraffollati con il supporto delle Motovedette CP 305 e CP 282 imbarcando oltre mille persone, tra cui donne e bambini, senza salvagenti personali.

Il pattugliatore Sirio, nella notte, ha portato a termine il salvataggio di 113 migranti, tutti uomini, con l’assistenza della nave mercantile City of Silon. La fregata Espero invece ieri sera ha dichiarato la situazione di emergenza in base alle condizioni di galleggiabilità di un natante con a bordo 261 persone, concludendo le operazioni di salvataggio nelle prime ore di questa mattina. La Nave San Giorgio sta dirigendo verso il porto di Augusta per lo sbarco dei migranti come disposto dal Ministero dell’Interno. Ieri sera nei porti di Pozzallo e Augusta le navi Maestrale, Euro e Foscari hanno completato lo sbarco di 1049 migranti soccorsi il 7 e l’8 aprile.

La squadra mobile della Questura di Ragusa sta valutando la posizione di un extracomunitario
ritenuto il possibile scafista di uno degli sbarchi avvenuti ieri a Pozzallo. Secondo quanto si è appreso, l’uomo starebbe per essere fermato. Nel pomeriggio nelle spiaggia del Ragusano è atteso l’arrivo di altri 300 migranti.

“Non c’è uno stop agli sbarchi e l’emergenza è sempre più grave: due navi mercantili stano soccorrendo due barconi con 300 e 361 persone e sembra che che ci sia almeno un cadavere a bordo”. Lo ha detto il ministro dell’interno, Angelino Alfano, al Gr1.
Sono stati soccorsi 4.000 migranti nelle ultime 48 ore ed il totale è di oltre 15.000 dall’inizio dell’anno, ha aggiunto Alfano.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.