In fuga col neonato, il padre ritrovato col bimbo: «Sta bene»

Enzo Costanza,originario di Aragona, è stato trovato in Spagna. L’uomo di 38 anni in fuga con il figlio di 15 giorni, è stato localizzato dalla polizia in un centro commerciale di Albacete, in Castilla-La Mancha, regione nel sudest della penisola iberica. Il neonato, in buone condizioni, è stato trasferito in un ospedale pediatrico per un controllo medico. E’ quanto riferisce il presidente del Telefono azzurro, Ernesto Caffo, che dice: «E’ stato trovato, me l’ha detto il prefetto Piscitelli commissario straordinario per le persone scomparse. Enzo Costanza è stato trovato in un paesino della Spagna sembra che il bambino stia bene e il padre anche». Non essendoci stata alcuna azione violenta nei confronti del piccolo, al momento «per la magistratura iberica non ci sono responsabilità a carico del padre», riferiscono i Carabinieri di Torino.
La polizia spagnola attende dall’Italia l’invio di un eventuale provvedimento della magistratura che aveva aperto un’inchiesta, ipotizzando nei confronti di Costanza il reato di sottrazione di minore. Grazie alla sua iscrizione nel registro degli indagati è stato possibile attivare alcune attività investigative come l’intercettazione del cellulare, fondamentale per mettersi sulle sue tracce.

L’uomo, in una telefonata alla moglie questa mattina alle 9,30, ha detto: «Ti restituirò il bambino, di me non so cosa farò». E’ stata l’unica volta in cui l’uomo ha usato il telefonino in quattro giorni . La donna è partita in volo per Barcellona da dove raggiungerà Madrid. Per darle assistenza sono stati attivati gli organi consolari.

Da martedì pomeriggio il piccolo era in viaggio col padre, un impiegato di 38 anni affetto da qualche disturbo per i quali era in cura da uno psichiatra. Le ricerche erano scattate martedì sera, quando la mamma aveva denunciato la scomparsa di quel figlio, voluto e tanto atteso dalla coppia. «Siamo andati al supermercato di Rivalta – ha detto ai militari – sono entrata per fare un regalo al bambino, mentre Enzo e il bambino sono rimasti ad aspettarmi in auto, nel parcheggio. Quando sono tornata non c’erano più». Poco prima la coppia, con il neonato, era stata da Alfonso Matropietro, lo psichiatra che dal 2006 ha in cura Costanza. L’uomo era diretto probabilmente a Fatima, in Portogallo. In passato aveva confidato ai familiari di voler fare un pellegrinaggio là. Appena fermato, in stato confusionale, non ha saputo spiegare il motivo del gesto. «Attualmente si trova al comando della polizia di Albacete. Ha dormito a Valencia la scorsa notte. E’ stato fermato perché questa mattina ha telefonato alla moglie informandola del fatto che il bimbo stava bene e ha rassicurato la madre che glielo avrebbe restituito in buone condizioni. Poi si è fermato ad Albacete, stava facendo spesa in un centro commerciale ha attivato una carta di credito. Siamo riusciti a comunicarlo alla polizia spagnola che lo ha intercettato», ha detto il comandante del comando provinciale dei carabinieri di Torino Arturo Guarino.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.