Inchiesta “Girgenti Acque” , indagato ex direttore Ato Idrico Bernardo Barone

Nell’ambito dell’inchiesta della Procura della Repubblica di Agrigento su Girgenti Acque,  vi è un altro indagato. E’ il già direttore generale dell’Ato idrico, l’ingegnere Bernardo “Dino” Barone. Lui è stato a capo dell’Ambito territoriale ottimale che è composto dagli amministratori dei Comuni rientranti nello stesso Ato, e a cui sono assegnate funzioni e poteri di controllo e di disciplina verso la gestione del servizio idrico e fognario da parte della società privata a cui è stato affidato lo stesso servizio, Girgenti Acque. I sostituti procuratori che sono parte dell’apposito pool indagante, Salvatore Vella, Alessandra Russo e Paola Vetro, hanno notificato a Bernardo Barone un avviso di garanzia. Intanto, sono state eseguite delle perquisizioni, e sequestrata parecchia documentazione, negli uffici dell’Ato che, nel frattempo, non è più Ato ma Ati, l’Assemblea territoriale idrica, attualmente presieduta dal sindaco di Menfi, Vincenzo Lotà.  E tuttora in corso, l’inchiesta che  ha visto finire sotto indagine una settantina di persone tra amministratori, politici, funzionari e perfino l’ex prefetto Nicola Diomede, costretto a dimettersi proprio a seguito del suo coinvolgimento. Nomi eccellenti e meno eccellenti, attendono l’evolversi degli ulteriori sei mesi di indagine, fino al prossimo giugno, che la Procura di Luigi Patronaggio ha disposto, alla scadenza del termine precedente, ereditando il fascicolo istruttorio intrapreso dalla precedente gestione, Di Natale – Fonzo, dell’ufficio inquirente del Tribunale di Agrigento

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.